Skip to main content
x

Giornata della memoria

Nel GIORNO DELLA MEMORIA 2020, l’Istituto  E. ALESSANDRINI

 

conferma la sua identità di 

 

SCUOLA CHE RIFIUTA OGNI FORMA DI PREGIUDIZIO E DISCRIMINAZIONE RAZZIALE

 

 

Le classi quinte della nostra Scuola hanno partecipato all’evento celebrativo della Giornata della memoria, organizzato dal Comune di Montesilvano il 24 gennaio nel Palacongressi Dean Martin.

Gli alunni sono stati protagonisti di una mattinata di studio - con circa 450 partecipanti delle scuole di Montesilvano – che si è dipanata in un’alternanza di proiezioni di spezzoni di film sul tema dell’Olocausto,  di canzoni eseguite con bravura e passione dalla band del liceo scientifico Spaventa e di interventi di alunne della classe V B Turismo dell’Istituto Alessandrini.

 

 Marica  Carosella ha proposto un ampio excursus sulla nascita e lo sviluppo delle persecuzioni razziali- dalla diaspora fino alle aberranti teorie di Hitler sulla superiorità della razza ariana - e sulla lotta all’ebraismo internazionale e alla sua presunta volontà di dominio sul mondo.

Federica Colantuono ha presentato le idee sviluppate da Hitler nel “Mein Kampf” ed ha spiegato la relazione diretta tra queste e il programma di sterminio messo in atto tra il ’42 e il ’45 (la cosiddetta “soluzione finale”).

Giada Stasio Donatelli ha esposto le tappe che hanno portato all’attuazione della Shoah:  dalle leggi di Norimberga, alla “notte dei cristalli”, alla costruzione dei campi di sterminio, lo strumento tecnicamente avanzato per l’attuazione scientificamente programmata del piano di eliminazione del popolo ebraico.

 

La conclusione della mattinata è stata affidata allo storico Camillo Chiarieri che, basandosi sulla teoria della filosofa Hanna Arendt, ha spiegato come “la banalità del male che ha portato all’Olocausto del popolo ebraico sia stata  la naturale conseguenza della incapacità di vedere e di capire nell’eseguire  ciecamente il “normale” lavoro d’ufficio dello sterminio di un popolo”.

 

 

 

 

 

Montesilvano, 28 gennaio 2020                                           Prof. Angelo Pompei